La Scrivania Letteraria

Categorie
Rubrica "Le Parole Furbe"

Rubrica “Le parole furbe” – Calligrafia

CALLIGRAFIA

Sostantivo femminile

ETIMOLOGIA

Dal greco καλλιγραϕία, composto di καλλι-calli– e γραϕία –grafia-.

SIGNIFICATO

L’arte che insegna a tracciare la scrittura in forma elegante, regolare e ornata; più in generale si intende il modo di scrivere e nella critica letteraria e artistica la parola è usata anche con il senso di calligrafismo, cioè l’impegno stilistico fine a se stesso che punta alla perfezione formale.

MODI D’USO

Lezione di c., esercizi di c., studiare calligrafia, avere una bella, una brutta c., c. illeggibile.

UN PO’ DI STORIA

  • La rappresentazione dei numeri precedette la scrittura della lingua.
  • La calligrafia occidentale risale agli scribi greci e romani.
  • La calligrafia estremo-orientale usa tipicamente pennelli e inchiostro per scrivere i sinogrammi.
  • La calligrafia araba è spesso rappresentata nell’arte musulmana e svolge una funzione di ispirazione. Le scuole calligrafiche facevano parte del curriculum degli studenti di teologia.
  • “La Operina da imparare di scrivere” è un trattato del 1522 di Ludovico degli Arrighi – detto Vicentino – ed è uno dei testi fondamentali per lo studio della calligrafia del sedicesimo secolo.
  • Johannes Trithemius fu abate benedettino di Sponheim e divenne famoso per l’invenzione di un sistema di codifica della scrittura. Nell’ultima fase della vita divenne abate di San Giacomo a Würzburg. Conoscitore delle lingue orientali tra cu l’ebraico, il caldeo e il tartaro, era in contatto con cabalisti, teologi e alchimisti. Fu in relazione con il famoso occultista Enrico Cornelio Agrippa. Ciò che più interessa è la sua opinione nei riguardi appunto della scrittura; nel suo saggio “In Praise of Scribes”, elogiò l’importanza della scrittura a mano in quanto avrebbe acquisito nel tempo valore e avrebbe accolto molti più apprezzamenti rispetto alla scrittura con la macchina da scrivere.
  • Gutenberg creò una scrittura gotica contante 290 caratteri che permise di ricreare le lettere sia in minuscolo sia in maiuscolo. Scelse questo tipo di calligrafia per non “scioccare” esageratamente i lettori del tempo e rendere simili ai manoscritti i libri a stampa.
  • Il monaco amanuense. La parola amanuense deriva dal latino servus a manu. Gli amanuensi si adoperavano molte ore al giorno nella copiatura di codici e antichi testi. Dopo la stesura completa i testi venivano controllati dai correctores e in un terzo momento arrivavano nelle mani dei miniatores. Molte volte erano gli amanuensi stessi ad occuparsi delle miniature e anche della rilegatura. 

calligrafia-parole-furbe-significato-etimologia

Categorie
Rubrica "Le Parole Furbe"

Rubrica “Le Parole Furbe” – Dissezione

DISSEZIONE

Sostantivo femminile

ETIMOLOGIA

Dal latino dissectio -onis/gr. ἀνατομία, derivato di dissecare «tagliare, recidere», participio passato: dissectus

SIGNIFICATO

In anatomia indica il sezionamento e/o la separazione delle parti o degli organi di un essere vivente.

In medicina legale indica il sezionamento del cadavere in sala anatomica per l’autopsia: i tessuti di rivestimento vengono incisi dopodiché si procede alla separazione dei vari piani all’isolamento degli organi per studiarne la forma e i rapporti.

In anatomia patologica, indica lo scollamento di una struttura anatomica a più strati, per esempio la dissezione aortica.

Senso figurato: derivante dal verbo dissezionare – dissezionare un’opera d’arte per discuterla, esaminarla, criticarla e/o ricostruirne la storia. 

dissezione-rubrica-settimanale-parole-furbe-blog

Categorie
Rubrica "Le Parole Furbe"

Rubrica “Le parole furbe” – Fisiologia

FISIOLOGIA

Sostantivo femminile.

ETIMOLOGIA

Dal latino physiologĭa, greco ϕυσιολογία, scienza della natura, composto di ϕυσιο- fisio – e -λογία –logia.

SIGNIFICATO

La fisiologia è una branca della biologia che studia le funzioni degli organismi viventi, animali e vegetali. Per funzione si può intendere l’insieme dei processi che mirano a un risultato definito; questi ultimi sono studiati per conoscere le cause, le condizioni e le leggi che li regolano, da un punto di vista chimico, fisico e fisico-chimico.

Nel tempo e data la varietà dei campi di studio, tante quante le funzioni degli organismi, la fisiologia teoretica è stata suddivisa ulteriormente in altre branche:

  • Fisiologia generale: studia le funzioni biologiche elementari comuni agli esseri viventi in condizione fisiologica (stato in cui avvengono le normali funzioni)
    • fisiologia animale
    • fisiologia vegetale
    • fisiologia cellulare, batterica, microbica, virale
    • umano
  • Fisiologia comparata: studia le analogie e le diversità funzionali delle varie specie animali (essere umano compreso)
  • Fisiologia patologia sin. fisiopatologia: studio delle funzioni degli organismi in presenza di malattie e dei processi quando l’organismo di trova in una condizione patologica.
  • Fisiologia genetica sin. fisiogenetica

La fisiologia indica anche il funzionamento di un particolare tessuto, organo, apparato e processi o il singolo processo organico.

fisiologia-rubrica-parole-furbe-blog-settimanale

Categorie
Rubrica "Le Parole Furbe"

Rubrica “Le parole furbe” – Prolusione

PROLUSIONE

Sostantivo femminile

Derivato di proludere, verbo proludere

SIGNIFICATO

Indica la  lezione, di carattere introduttivo, con un’accezione solenne, nella consuetudine universitaria all’inizio dell’anno accademico, tenuta dal professore che è stato per la prima volta nominato in una Facoltà. In essa viene di solito sviluppato un argomento di discussione di cui si pongono le problematiche principali. In questo caso il professore oltre a delineare il corso e l’argomento dello stesso, espone i propri interessi scientifici – ricerche effettuate e in corso – e la propria metodologia di ricerca.

Più in generale la prolusione è una relazione introduttiva a un convegno e simili.

ETIMOLOGIA

Dal latino prolusio, -onis esercizio preparatorio

SINONIMI

Lezione inaugurale, presentazione, introduzione, premessa, prefazione, prologo, proemio, preambolo, apertura, esordio

prolusione-parole-significato-dizionario-blog-rubrica

FONTI

Vocabolario Treccani (online) – Francesco Sabatini e Vittorio Coletti, Il Sabatini Coletti, RCS Libri (on line) – Dizionario Italiano Olivetti, Olivetti Media Communication (ed. on line) – Aldo Gabrielli, Vocabolario della Lingua Italiana, Hoepli (ed. on line) – Dizionario Garzanti – Dizionario dei Sinonimi e contrari.

Categorie
Rubrica "Le Parole Furbe"

Rubrica “Le parole furbe” – Eutrofizzazione

In questo periodo sto leggendo alcuni libri legati a tematiche ambientali ed ecologiche e mi sono imbattuta in questa fantastica parola: eutrofizzazione. 

ETIMOLOGIA: eutrofizzazione deriva dal greco eutrophia, formata da eu=buona e itrophòs=nutrimento.

SIGNIFICATO: der. di Eutrofico. In accordo con l’etimologia del termine, eutrofizzazione indica una condizione di ricchezza di sostanze nutritive, soprattutto nitrati, fosfati e zolfo, in particolare in un ambiente acquatico.

Al giorno d’oggi invece il termine ha un’accezione prettamente negativa legate alla questione ambientale di tutela e protezione della acque e degli ecosistemi acquatici; a tal proposito viene usato per indicare uno sviluppo abnorme di alghe e cianobatteri che provocano conseguenze deleterie per l’ecosistema e in particolare fauna acquatica e la flora circostante.

GLI EFFETTI DELL’EUTROFIZZAZIONE

Le situazioni in cui per prima si presenta l’eutrofizzazione sono le zone acquatiche a debole ricambio, come laghi e stagni. La proliferazione di alghe microscopiche comporta l’impossibilità da parte dei consumatori primari di sopperire alla loro abnorme crescita; esse non vengono smaltite e determinano una maggiore attività batterica.

Gli agenti antropici che più provocano l’eutrofizzazione sono l’utilizzo dei fertilizzanti nella coltivazione della terre circostanti e il loro dilavamento, l’inquinamento derivanti dai prodotti organici delle attività umane e i prodotti di rifiuto industriali. L’eutrofizzazione provoca la fioriture (sviluppo esagerato) del fitoplancton, il quale abbassa il tasso di ossigeno nell’ambiente e rende il luogo inadatto per altre specie.

Per contrastare l’eutrofizzazione sono necessari interventi che riducano gli afflussi di nutrienti ai corpi idrici e si ritiene che il riscaldamento globale contribuirà a peggiorare il fenomeno dell’eutrofizzazione. Il riscaldamento delle acque superficiali infatti fa diminuire la solubilità dei gas e di conseguenza anche dell’ossigeno.

CENNI STORICI E CASI 

L’eutrofizzazione è stato riconosciuto come fenomeno problematico a partire dal XX secolo in America del Nord e in Europa e via via è andato sempre più maggiormente sviluppandosi.

EMILIA-ROMAGNA ANNI ’70 E ITALIA

L’eutrofizzazione è uno dei principali problemi ambientali che interessano le acque costiere emiliano-romagnole.; negli anni ’70 nelle acque costiere dell’Emilia-Romagna avvennero estese morie di organismi bentonici che ebbero gravi impatti sull’economia regionale nei settori della pesca e del turismo. Considerata l’estensione e la frequenza dell’eutrofizzazione si può affermare che la zona a sud del Delta del Po è tra le più critiche dell’intero Mediterraneo, senza contare anche altri ambienti ed ecosistemi di maggiore estensione, come il Mar Baltico stanno subendo l’eutrofizzazione.

LAGHI EUTROFICI

hanno una bassa profondità e larghe rive, paludose o meno, in cui è presente una grande quantità di fitoplancton e sali umici.

eutrofizzazione-parole-furbe-rubrica-blog

Link utile per saperne di più sui mari eutrofizzati

https://www.regionieambiente.it/eutrofizzazione-mari/

 

Categorie
Rubrica "Le Parole Furbe"

Rubrica “Le Parole Furbe” – Dardeggiare

Castelli in fiamme, un sole abbacinante nel mattino estivo, occhi idilliaci che ti rapiscono: dardeggiare!


SIGNIFICATO: è un verbo, sia transitivo che intransitivo, derivato di dardo, con ausiliare Avere. Significa scagliare dardi, o colpire con i dardi. Altro significato -piace tanto a chi scrive-, è figurativo e può denotare uno “scagliare” immaginario di occhiate, raggi (solari) ecc…, tutto quello che può essere repentino e potente. Può anche intendere il proiettare velocemente in fuori, come fa il camaleonte con la sua lingua.

Il participio presente ha valore sia di verbo che di aggettivo:

– Avere uno sguardo dardeggiante
(se siete amanti di aggettivi questo è davvero da segnare)

SINONIMI: folgorare, bersagliare, ardere, brillare, fiammeggiare, splendere, sfolgorare.

Dardeggiano i raggi sulla valle desolata, irta di serpi e di sguardi profondi, nascosti tra i massi, avvinghiati alle pareti umide di buie caverne. Le fiamme divamperanno sulle acque brillanti del fiume e dardeggeranno le frecce e le spade, di riflessi e di fuoco, di sangue e di guerra. Non vi sarà più terra, né acqua, né aria. Solo il fuoco rimarrà. E noi moriremo.

Giulia Coppa

copia di copia di copia di meditabondo


Riferimenti generali per la Rubrica “Le Parole Furbe”: diz. Zanichelli, diz. Treccani, enciclopedia Treccani, diz. dei sinonimi e contrari Zanichelli, diz. etimologico Zanichelli, grande dizionario italiano Hoepli.

 

Categorie
Rubrica "Le Parole Furbe"

Rubrica “Le Parole Furbe” – Preoccupazione

SIGNIFICATO: è un sostantivo femminile.

  • Raro e antico: occupazione di un luogo avvenuta in precedenza, prima di altri
  • Affermazione, formulazione di un giudizio o di un’opinione, informazioni espresse in precedenza
    • Per esempio nella sistematica biologica con riferimento all’attribuzione di un nome a una specie
  • Idea preconcetta, giudizio o opinione
  • Emozione derivante da un pensiero che occupa in maniera costante e alle volte, martellante (fino all’ossessione), di un’idea, di un evento o di cose o persone che provocano nell’individuo uno stato perpetuo di apprensione, di ansia, timore, incertezza ecc..
  • Uso predicativo per indicare la persona che si preoccupa di qualcosa
  • Talvolta usato nella retorica per indicare la prolessi, cioè risposta a un’obiezione non fatta, ma possibile
  • Usato in senso ironico:
    • Ha una sola preoccupazione
    • Vive nella sua unica preoccupazione

ALTRI USI/ESEMPI:

  • Stare in guardia contro le preoccupazioni
  • Vive per la sua preoccupazione: il lavoro
  • Avere delle preoccupazioni
  • Timore della preoccupazione
  • Le preoccupazioni della vita
  • Periodo pieno di preoccupazioni
  • Una situazione che desta serie preoccupazioni
  • Preoccupazione per le persone care

ETIMOLOGIA: dal latino praeoccupatio -onis, derivato di praeoccupare

SINONIMI: affanno, angoscia, angustia, ansia, apprensione, assillo, fastidio, grana, grattacapo, impiccio, inquietudine, briga, ossessione, timore, patema, patimento, pena, perplessità, piaga, nervosismo, rodimento, rogna, dispiacere, disperazione, seccatura, sofferenza, tensione, trepidazione, turbamento.


I turbamenti dell’animo si rivelano piaghe per la creatività, paurose e pericolose perplessità montano gelidi e l’ispirazione viene ossessionata dalla mancanza di tempo, dalla mortalità e dalle inquietudini delle risposte impossibili.

Giulia Coppa

copia di copia di copia di meditabondo

Riferimenti generali per la Rubrica “Le Parole Furbe”: diz. Zanichelli, diz. Treccani, enciclopedia Treccani, diz. dei sinonimi e contrari Zanichelli, diz. etimologico Zanichelli, grande dizionario italiano Hoepli.

Categorie
Rubrica "Le Parole Furbe"

Rubrica “Le Parole Furbe” – Voluttà

SIGNIFICATO: è un sostantivo. Significa piacere profondo e diffuso provato nella soddisfazione del desiderio sessuale e/o spirituale.
Per estensione, significa godimento intenso che deriva dal soddisfacimento di un impulso materiale o spirituale. Si riferisce anche ad un piacere che sfocia nella morbosità.
– Bere una bottiglia d’acqua con voluttà dopo cinque ore di marcia
– Ascoltare una musica con voluttà
– La voluttà della vendetta
– La voluttà della rabbia
– Consumare gli anni della giovinezza nella voluttà

ETIMOLOGIA: dal latino voluptas -atis, ritenuto connesso con il tema vol- del verbo velle, volere

SINONIMI: ardore, beatitudine, letizia, pienezza, rapimento, ebbrezza, estasi, gaudio, completezza, delizia, carnalità, passione, ardore

CURIOSITÀ:
Amore e Psiche
Storia d’amore del II secolo d.C., opera dello scrittore latino Apuleio. Storia d’amore a lieto fine, con Psiche divinizzata grazie all’ambrosia e Amore che, con il suo ardimento, supera le ire di Venere. Dall’amore tra Psiche e Amore nasce una meravigliosa bambina: Voluttà.
Acerba voluttà
Acerba voluttà è un’aria, della Principessa nell’Atto II dell’opera lirica Adriana Lecouvreur di Francesco Cilea su libretto di Arturo Colautti.

Testo
Acerba voluttà, dolce turtura,
lentissima agonia, rapida offesa,
vampa, gelo, tromor, smania,
paura, ad amoroso sen torna l’attesa!
Ogni eco, ogni ombra nella notte incesa
contro la impaziente alma congiura:
fra dubbiezza e disìo tutta sospesa,
l’eternità nell’attimo misura…

Verrà? m’oblia? s’affretta? o pur si pente?
Ecco, egli giunge!
No, del fiume è il verso,
misto al sospir d’un arbore dormente…

O vagabonda stella d’Oriente,
non tramontar, non tramontar:
sorridi all’universo,
e s’egli non mente, scorta il mio amor!

Link per ascoltare Acerba Voluttàinterpretata da Anita Rachvelishvili.

Della tua voluttà mi innamorai come la luna brama la notte per brillare e farsi idolatrare. La voluttà provai quando ti vidi e mai più i miei occhi avrebbero pianto, se non per la beltà delle tue carni e della tua mente. La parole che pronunci, le idee che fioriscono in te, vengono scolpite nel cuore e nella mente di chi le ascolta. Melodia incantevole, voluttà indelebile. 

Giulia Coppa

copia di copia di meditabondo


Riferimenti generali per la Rubrica “Le Parole Furbe”: diz. Zanichelli, diz. Treccani, enciclopedia Treccani, diz. dei sinonimi e contrari Zanichelli, diz. etimologico Zanichelli, grande dizionario italiano Hoepli.

Sitografia: Wikipedia, Treccani online, YouTube, Opera Lyrics.

Categorie
Rubrica "Le Parole Furbe"

Rubrica “Le Parole Furbe” – Ammaliare

Immagino un chiostro ricolmo di cuscini e arazzi dai colori sgargianti in cui un ballo sfrenato mi trascina nell’ebbrezza: ammaliare, la magia delle persone.


SIGNIFICATO: verbo transitivo. Esercitare una malìa, una magia, affatturare o imprigionare e comandare tramite arti magiche la volontà altrui. L’importanza viene data all’effetto della malìa.

Senso figurativo: affascinare, sedurre. Una persona che ammalia ed è in grado di restringere la libertà di pensiero e di comportamento di un’altra persona.
Il participio presente, ammaliante, è usato anche come aggettivo. Il participio passato, ammaliato, significato colpito da una fattura e per estensione affascinato.

Ci sono delle leggere sfumature tra alcuni verbi, quali ammaliare, affascinare, abbagliare e incantare: affascinare è più aderente alle “magie” con gli occhi ed è accostabile al verbo abbagliare, mentre incantare riguarda l’abilità di far magie per mezzo della virtù delle parole e si dice anche di qualcosa che sorprende un individuo. Se la meraviglia è mischiata all’ordinario, si può parlare persino di diletto.

SINONIMI: abbagliare, affascinare, stregare, sedurre, incantare, ipnotizzare.

CONTRARI: deludere, disincantare, schifare.

Gli occhi della belva lampeggiarono terrificanti e la magia ammaliò la guerriera e la compagine di soldati intorno a lei. Tutti rimasero pietrificati, i piedi nel fango e le spade levate verso il muso rosso di sangue della bestia. Chi avrebbe potuto salvarli?

Giulia Coppa


rubrica-settimanale-parole-furbe-scrittori-leggere


Riferimenti generali per la Rubrica “Le Parole Furbe”: diz. Zanichelli, diz. Treccani, enciclopedia Treccani, diz. dei sinonimi e contrari Zanichelli, diz. etimologico Zanichelli, grande dizionario italiano Hoepli.

Categorie
Rubrica "Le Parole Furbe"

Rubrica “Le Parole Furbe” – Trasecolare

Verbo per cui ho provato un’immediata simpatia: trasecolare, eccolo qui!


SIGNIFICATO: è un verbo intransitivo. Ausiliari essere o avere. Essere fuori di sé per la meraviglia o lo stupore oltre ogni dire.

Composto dal termine secolo, che, in un significato desueto, si riferisce al mondo terreno. Sotto questo punto di vista, si può dire che trasecolare si riferisce ad un evento, una notizia o una situazione talmente tanto strabiliante e per certi versi, data la sorpresa, assurda, che ci allontana dal nostro mondo, instante o lungo momento che sia. Un rimanere scioccati e meravigliati contemporaneamente alla massima potenza.

SINONIMI: stupire, sbalordire, strabiliare

ETIMOLOGIA: derivato di secolo, unito al prefisso tra-, nel senso di uscire di senno. Attestazione al XV secolo. Cfr. espressione cavar del secolo, come dire “togliere di cervello” o “aver perduto l’intelletto”.

Trasecolai vedendo il mare per la prima volta dopo dieci anni di prigionia. La schiavitù mi aveva reso un individuo migliore, ma i miei vecchi occhi ancora osservavano la distesa d’acqua con infantile stupore. Il mio cuore ricominciò a battere.

Giulia Coppa

rubrica-settimanale-parole-scrivere-blog


Riferimenti generali per la Rubrica “Le Parole Furbe”: diz. Zanichelli, diz. Treccani, enciclopedia Treccani, diz. dei sinonimi e contrari Zanichelli, diz. etimologico Zanichelli, grande dizionario italiano Hoepli.